Come superare le tentazioni alimentari

Il caffè coi biscotti, “La spada nella roccia” e le tentazioni alimentari

Indice dei contenuti

Introduzione

“Col caffè voglio i biscotti!”. Queste sono le parole di Ilaria. Oggi vi racconterò la simpatica storia di come io e lei abbiamo collaborato per risolvere un suo problema col cibo. Avremo così modo di analizzarlo per comprendere meglio come si può creare un’abitudine col cibo, il suo legame con le emozioni e come superare le tentazioni alimentari.

Come si è presentato il problema

Ilaria, mi chiese aiuto per un problema alimentare. Una delle abitudini per cui voleva aiuto era quella di dover accompagnare ogni caffè con dei biscotti. A tal proposito mi disse “è più forte di me, devo mangiare i biscotti anche se non voglio”.

A nessuno piace non essere padrone del proprio comportamento, capii quindi la richiesta di Ilaria.

La comprensione del problema

Analizzando nel dettaglio un episodio in cui Ilaria non ha resistito alla tentazione di accompagnare il caffè con i biscotti, emersero due aspetti emotivi importanti

  1. Ilaria sente una gran gioia nel petto all’idea di accompagnare il caffè coi biscotti
  2. Sente tristezza, localizzata nella pancia, all’idea di non mangiarli

A quel punto pensai: “come è successo che si è formata l’associazione tra la gioia e il caffè coi biscotti”?

La scena del tè ne "La spada nella roccia"

Per scoprirlo abbiamo usato una tecnica chiamata “il ponte affettivo”: se chiudi gli occhi e ti rilassi stando a contatto con questa gioia, cosa ti viene in mente? La risposta fu molto simpatica, a Ilaria venne in mente la scena de “La spada nella roccia” in cui Merlino e Semola prendono il tè con, per l’appunto, i biscotti. Ilaria si rivelò: “Mi ricordo me da bambina che guardavo quella scena con gran gioia!”

La risoluzione del problema: superare le tentazioni alimentari

Per noi umani è molto importante avere un atteggiamento di accettazione e compassione per le nostre emozioni. Per favorirlo in Ilaria, le chiesi: “Cosa vuole la tua gioia?”. Lei rispose: “Vuole che mangi i biscotti col caffè e che sia felice come sono felici Merlino e Semola.”.

foto delle mani: usare le mani per superare le tentazioni alimentari

Per aiutare Ilaria a emanciparsi dall’abitudine dei biscotti ho usato la tecnica del FastRest: una volta individuate le immagini mentali, le emozioni, le sensazioni corporee e lo scopo di questa gioia le ho indicato di focalizzare tutta la sua attenzione sulle proprie mani per diversi intervalli di tempo. Fu così che rielaborando la sua esperienza interiore Ilaria arrivò a dire (e soprattutto a sentire): “Non ho bisogno dei biscotti per essere felice!”

Conclusioni

Come ci aiuta a comprendere il caso di Ilaria, un’abitudine alimentare può essere mantenuta da un’emozione non elaborata. Esplorare le emozioni in modo gentile e amorevole è una buona soluzione come superare le tentazioni alimentari senza dover ricorrere a inutili autopunizioni o frustrazioni.

Pubblicato da Salvatore Isaia

Sono uno psicologo specializzato in psicoterapia. Dal 2015 aiuto le persone con i loro problemi emotivi, relazionali, comportamentali e psicosomatici. Uso metodologie all'avanguardia e dedico molte energie a migliorarmi come psicologo e come persona.  www.solutionfocus.it 3491783376 salvatoreisaiapsy@gmail.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On-line, Padova, Monselice, CastelfrancoPer info e appuntamenti: 3491783376